Caricamento in corso... Si prega di attendere.
Arte Italiana Allestimenti Scenografie

Il nostro fondatore: Nazario Di Tullio

Biografia e storia di colui che ha creato, insieme a Barbara De Monte, Arte Italiana e il suo successo

Il nostro fondatore: Nazario Di Tullio

Nazario Di Tullio nasce il 16/09/1974 a San Severo in provincia di Foggia.

Il suo percorso inizia nel 1987, quando comincia a lavorare come manovale presso un cantiere edile. “Rimasi sin da subito affascinato nel vedere come una squadra di muratori, riuscisse ad innalzare edifici interi!”.

Da sempre, animato da un profondo desiderio di conoscenza, costantemente alla ricerca di risposte che riescano a saziare la sua “fame” di comprendere. Animato da questa spinta incessante, ha origine il suo interesse per il disegno e la pittura, meravigliato da come anche una semplice linea, potesse avere in se stessa, la definitiva complessità di una forma.

Dopo anni di gavetta, comincia a realizzare progetti commissionati da architetti: “mi sorprendevo, spesso, senza volerlo ad esprimere pareri architettonici miei, che regolarmente finivano con l’ottenere un riscontro positivo nel cliente. Mi ritrovai a “scarabocchiare” i progetti degli architetti, finché decisi che era giunto il momento di coniugare fra loro queste mie attitudini e condensarle in quella che di li in poi sarebbe diventata una vera e propria attività professionale”.

Inizia così, a concepire, disegnare e realizzare progetti di “architettura artistica”, che rispecchiassero il gusto e la personalità dei clienti, arrivando, con alcuni di questi, ad essere pubblicato su riviste di settore di importanza internazionale quali: "Elle Decoration Country" e "AD".

Il percorso e l’indagine pittorica, che da anni pratica nella vita privata, gli permette di studiare il variegato caleidoscopio psico-emotivo connesso al linguaggio del colore e delle forme, una chiave d’accesso ad un linguaggio e ad una comunicazione sempre più capace di dialogare con le più svariate tipologie di committenza. Nello specifico, la pittura, costituisce un capitolo a sé, molto importante del suo percorso formativo e di sperimentazione del linguaggio non verbale: “sono sempre alla ricerca della mia dimensione, di una forma/modalità attraverso cui esprimere tutto il mio universo emotivo e creativo”. "Ho dipinto per parecchi anni solo per un mio bisogno personale, finché non conobbi una persona, un’esperta ed appassionata d’arte, che ha apprezzato il mio stile pittorico, facendomi capire che avevo la dote innata di comunicare agli altri il mio pensiero”. Percorso che trova il suo apice nell’esposizione alla “Collettiva Quadriennale di Olbia” presso la Galleria Martini; una personale a Dublino, a Roma con grande successo di pubblico, nella suggestiva e prestigiosa cornice del Vittoriano, nella “Collettiva Quadriennale d’Arte Contemporanea” e negli Stati Uniti, in una Collettiva presso la Richard Thomas Gallery di San Francisco.

Nel corso del tempo, approccia e approfondisce personalmente, studi di PNL, teorie della percezione, psicologia della forma, composizione visiva e psico-morfologia. Questo universo composito di competenze, sfocia nella creazione di Arte Italiana, un settore professionale sui generis, particolare e fuori dal comune, che consente di realizzare progetti sempre più stravaganti, dettati dalla voglia di esprimere tutta la creatività e l’inventiva possibili, senza limiti, dove il confine tra realtà e finzione diventa così sottile da generare un’ulteriore evoluzione, fino a diventare scenografia.

Arte Italiana diviene così, nella sua forma attuale, una realtà che attraverso lo spirito di Nazario Di Tullio progetta e realizza scenografie, per clienti del calibro di Mirabilandia, il Parco Warner Bros di Madrid, Parco le Navi di Cattolica, con Emilio Ambaz, noto architetto del verde, realizza “I Giardini dell’Alba” a Riccione, progetti per aziende di importanza internazionale quali Kraft, Coca Cola e la realizzazione della scenografia per lo stand di Birra Poretti in occasione di Expo Milano 2015.

“Lavoro ogni giorno per far si che il progetto di Arte Italiana possa realizzarsi a più ampio spettro, Arte Italiana intesa, non solo come una realtà professionale, ma pensata e finalizzata come uno stile di vita, che consenta a tutti coloro che ne fanno parte di esprimere il proprio universo creativo”.

Design Oggettistica e Ambienti

Design Oggettistica e Ambienti
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI